Info Coronavirus

Rimani sempre aggiornato visitando i siti ufficiali, diffida delle notizie non verificate che circolano in rete:

www.salute.gov.it

www.regione.lombardia.it

Cosa fare in caso di sintomi
Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero unico per la Lombardia 800 89 45 45 che valuterà ogni singola situazione e spiegherà che cosa fare. Per informazioni generali chiamare 1500, il numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

***

I lombardi che restano a casa non devono essere lasciati soli in un momento così difficile e la mancanza di competenze digitali o di abitudine all’utilizzo degli strumenti tecnologici non devono essere elementi di esclusione dei cittadini.

Ed è per questo che dal 23 marzo è a disposizione dei cittadini lombardi un nuovo servizio offerto dal call center istituzionale al numero verde 800.318.318 (02 3232 3325 da rete mobile e dall’estero, a pagamento al costo previsto dal proprio piano tariffario), che aiuta nell’utilizzo degli strumenti digitali necessari per la vita quotidiana ai tempi del Coronavirus. Si tratta di un servizio regionale di solidarietà digitale che fornisce informazioni per:
– Accedere ai servizi di consegna della spesa e farmaci a domicilio
– Consultare le ricette e i referti on-line senza la necessità di recarsi negli ambulatori.
– Utilizzare strumenti di chat e videochiamate per mettersi in contatto con i propri cari
– Rimanere informati sul fenomeno Coronavirus dai siti istituzionali
– Prendere visione delle principali misure e iniziative a livello locale delle singole amministrazioni
– Avere informazioni per trascorrere momenti di svago e di approfondimento culturale in casa

Il servizio è attivo 7 giorni su 7 dalle 8.00 alle 20.00.

***

NEWS: articolo su quotidianosanita.it

La nostra Associazione assieme ad altre sessanta associazioni ha inviato una lettera ai Ministri competenti al fine di chiedere una norma nazionale a supporto della continuità assistenziale in tutte le regioni. Chiesta inoltre la possibilità di spostare sul territorio, attraverso il potenziamento dell’assistenza domiciliare, la somministrazione dei farmaci in fascia “H” somministrabili al domicilio in sicurezza, ed anche misure di sostegno per l’accompagnamento “protetto” presso gli ospedali.

Leggi la lettera:

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close